Crepuscolo settembrino

Tra le 18 e le 20. È il momento del giorno che preferisco, in questa stagione. La luce diventa più calda e ambrata, del colore del tè, come quando lasci il filtro per troppo tempo a galleggiare nell’acqua. Le ombre si allungano. Si fa strada una sensazione pacifica e rassicurante, il pensiero che “anche per oggi quel che è fatto, è fatto”. A quest’ora anche i pensieri sono in controluce come il paesaggio che mi scorre davanti. Non ne riesco a mettere a fuoco neanche uno. E mi sento galleggiante come una bustina di tè, nell’acqua ormai tiepida di questo venerdì che volge al termine.

(Foto personale)

image

Annunci