Suoni e silenzi

Raramente ci rendiamo conto della quantità di rumori in cui siamo immersi, della loro intensità. Fin quando un giorno ci svegliamo e siamo improvvisamente infastiditi dall’ossessiva ripetitività di un suono, dal timbro di una voce che emerge dissonante, dal suo volume immotivatamente alto. A volte mi incanto guardando chi comunica col linguaggio dei segni e mi chiedo come sia vivere nel silenzio. Perenne. Nel tempo, la leggerezza dei silenzi quando mi trovo con qualcuno è diventata il parametro per misurare la gradevolezza della compagnia, il grado di intesa, la profondità di un’amicizia. Saper essere se stessi nel silenzio è una sfida grande. Poterlo essere è un lusso e una conquista. Oggi ho preso un treno. Scivola più del solito sulle rotaie. E finalmente posso sentire, senza distrazione, il suono dei miei pensieri.

(Foto personale)

image

Annunci