Ostuni, la dama bianca (25 luglio 2015)

Arrivederci Ostuni, bianca più del bianco. Imposte accostate per chiudere fuori il caldo rovente, fiori che macchiano il candore degli intonaci densi e materici lungo i vicoli stretti. Arrivederci ad un piccolo angolo nascosto tra piante di pepe rosa e salvia, la voce di Modugno canta un’Italia anni ’50 che qui sembra reale e possibile.
Ora si prosegue. Musica siciliana in sottofondo, ci sta bene: ciarammedda, friscalettu e frautu critisi scacciano i pensieri. Il sole ha appena fatto una piroetta e un inchino allo zenit, volgendo lentamente a ponente. Noi invece andiamo a sud, anzi a est, anzi a Otranto, lì dove Italia, Grecia e Mediterraneo si danno appuntamento.

(Foto personale)

image

Annunci